Benvenuti

Non indignari, non admirari, sed intelligeri

Spinoza


Il blog si legge come un testo compiuto sulla Cina. Insomma un libro. Il libro dunque tratterà del "pericolo giallo". Un "giallo" in cui l'assassino non è il maggiordomo ma il liberale. Peggio il maggiordomo liberale. Più precisamente il maggiordomo liberale che è in voi. Uccidetelo!!!Alla fine il vero assassino (a fin di bene) sarete voi. Questo sarà l'unico giallo in cui l'assassino è il lettore. A meno che non abbiate un alibi...ça va sans dire.

sabato 18 novembre 2017

Xi Jinping: Formare e selezionare buoni funzionari



Spesso si sentono giudizi sulla Cina sparati a raffica dai marxisti occidentali: la Cina non è marxista, non è socialista e il PCC non è comunista.
Ebbene non starò qui a dilungarmi su cosa sia oggi il socialismo però occorre tenere conto di alcuni dati spesso trascurati. Il Partito Comunista Cinese ha qualcosa come 90 milioni di membri, più di quelli che avevano tutti partiti comunisti del mondo nel 1989, anno del “crollo del comunismo”. Secondo la prestigiosa Pew Reserch, agenzia americana che sonda la governance nel mondo, il governo cinese ha l’appoggio del 94% dei cinesi.
Un recente articolo di uno studioso inglese, John Ross su Global Times, ci illumina sulla realtà dello sviluppo cinese. La superiorità schiacciante dello sviluppo economico dei paesi socialisti che hanno seguito una politica maggiormente in sintonia con il modello cinese, dimostra la superiorità del modello, messo in opera dal PCC, alternativo a quello capitalista. Il modello capitalista si ispira oggi al Washington Consensus che è la strategia economica neoliberale dominante seguita dalle istituzioni economiche internazionali come il Fondo Monetario Internazionale e la Banca Mondiale.
Dal 1993-2015 Cina, Cambogia, Vietnam e Laos, sono stati rispettivamente i primi quattro paesi nel mondo per la crescita del PIL pro capite.  Se risaliamo al 1989 Cina, Vietnam e Laos sono stati i primi tre paesi per crescita pro capite del PIL. Dal 1978 in poi la Cina ha avuto la maggior crescita tra le economie del mondo intero. Dal 1989 il Vietnam e il Laos sono cresciuti tre volte più velocemente della media mondiale. Dal 1978 il tasso di crescita della Cina è stato di quasi sei volte superiore alla media mondiale. Il risultato di questo sviluppo ha avuto effetti straordinari nella lotta alla povertà.  Dal 1981 la Cina ha tolto 728 milioni di persone dalla povertà secondo gli standard della Banca Mondiale. Il Vietnam più di 30 milioni. Nel resto del mondo, nel modello dominante sostenuto dal FMI influenzato dal Washington Consensus, solo circa 120 milioni di persone sono uscite dalla povertà. Durante questo periodo, l'83 per cento di tutta la riduzione della povertà si è attuato in Cina, l’85 per cento nei paesi socialisti e solo il 15 per cento nei rimanenti paesi capitalisti.

Qui presentiamo un intervento del segretario del PCC Xi Jinping sulla formazione e selezione dei funzionari di partito. Xi insite su alcuni punti. I funzionari devono essere rossi, onesti ed esperti con la prevalenza delle prime due cose. Devono contribuire allo sviluppo economico ma non essere giudicati unicamente in base al PIL. Non ha importanza quanto siano competenti, dice Xi, se poi non sono fermi in quegli ideali per cui in molti hanno perso la vita in Cina e nella difesa del marxismo. Devono studiare il marxismo e la sua applicazione in Cina, “migliorare la loro capacità fondamentale di pensiero strategico, innovativo, dialettico”. Bisogna subito dire che il marxismo in Cina non è un esercizio accademico o puramente scolastico e non è nemmeno la sommatoria di ciò che avrebbero detto Marx, Lenin ecc. più di un secolo fa. Il marxismo con caratteristiche cinesi è l’esperienza storica dei comunisti cinesi ovvero ciò che essi hanno imparato dalla propria esperienza e dal confronto con le altre esperienze, è in diretta connessione con la prassi nella quale si verifica, dunque è scienza. Il marxismo cinese è Marxismo Vivente e non il marxismo morto e sepolto degli accademici, degli scolastici, dei dottrinari. Studiarlo sarebbe molto utile per noi, come studiare l’esperienza italiana e la sua via nazionale al socialismo di togliattiana memoria è stato molto utile per loro. 

Xi Jinping: Formare e selezionare buoni funzionari

Parte del discorso alla Conferenza nazionale sul lavoro organizzativo

28 Giugno 2013
Tratto da: Xi Jinping, The Governance of China., Foreign Languages Press Co. Ltd, Beijing, China, 2014
traduzione a cura di Giambattista Cadoppi

Allo stato attuale, tutti i membri del partito e i membri di tutti i gruppi etnici in Cina stanno facendo sforzi concertati per completare la costruzione di una società moderatamente prospera sotto tutti gli aspetti e realizzare il Sogno Cinese della rinascita nazionale. Di fronte all’attuale situazione internazionale complessa e imprevedibile e agli ardui compiti interni di proseguire nella riforma, nello sviluppo e nel mantenimento della stabilità bisogna "essere pronti a svolgere una grande impresa con diverse nuove caratteristiche storiche."  Questa è una citazione dal rapporto politico al 18° Congresso Nazionale del PCC. Con le sue connotazioni profonde, l'idea di "nuove caratteristiche storiche" rappresenta una conclusione importante fatta dopo un attento esame analizzando le tendenze di sviluppo, sia in patria che all'estero.
Per realizzare una grande impresa con molte nuove caratteristiche storiche e per raggiungere gli obiettivi e i compiti stabiliti dal 18° Congresso Nazionale del PCC, l'accento deve essere posto sul nostro partito ed i suoi funzionari. Questo significa che dobbiamo fare in modo che il partito sia sempre il nucleo della leadership durante il processo storico di sviluppo del socialismo con caratteristiche cinesi e dobbiamo formare un grande contingente di funzionari di alto livello.
Il nostro partito ha sempre attribuito grande importanza alla selezione e alla nomina di persone oneste e di talento, e ha sempre considerato la selezione e la nomina di funzionari come una questione di importanza cruciale, fondamentale per la causa del partito e del popolo. Impiegare funzionari adatti rappresenta la chiave per la governance. Come i nostri antenati hanno detto: "l’esaltazione del virtuoso è fondamentale per l’arte del governo," [1] e "L'impiego di funzionari capaci rappresenta la priorità assoluta del governo." [2]
Negli ultimi anni, comitati di partito e dipartimenti dell'organizzazione a tutti i livelli hanno attuato la politica del partito in materia di gestione del personale, e hanno fatto un buon lavoro di selezione e nomina di funzionari. Tuttavia, ci sono ancora alcuni problemi che, se non adeguatamente risolti, scoraggerebbero sia i membri del partito che i cittadini comuni.
Attualmente, ci sono tre tipi di domande che destano grande preoccupazione: cos’è un buon funzionario, come diventare un buon funzionario, e come utilizzare i funzionari giusti per il lavoro giusto. Buone risposte e soluzioni adeguate alle tre domande saranno una prova di buona gestione del personale.
In primo luogo, cos’è è un buon funzionario? Questa dovrebbe essere una domanda con una risposta pronta e chiara dato che i requisiti sono nettamente specificati nello Statuto del Partito. Tuttavia, alcune persone sono confuse quando vedono una cattiva condotta nella selezione e nomina dei funzionari, quando funzionari non qualificati sono selezionati in alcune località e quando funzionari non qualificati vengono addirittura promossi, contro i regolamenti.
Se la nostra selezione dei funzionari porta solo alla confusione sopra i criteri su chi siano i buoni funzionari, è ovvio che quelli selezionati saranno solo cattivi esempi per i cittadini. Dobbiamo pensare di più a questo problema!

In generale, i buoni funzionari devono possedere integrità morale e competenza professionale. Tuttavia, sono stati adottati diversi criteri in differenti periodi storici. Durante il periodo della guerra rivoluzionaria i buoni funzionari dovevano essere fedeli al partito, coraggiosi e abili in battaglia, senza paura di sacrificare le loro vite. Durante il periodo di costruzione del socialismo, i buoni funzionari dovevano essere politicamente e professionalmente competenti. Nei primi anni della riforma e apertura, i buoni i funzionari hanno dovuto portare avanti le linee guida, i principi e le politiche decisi alla Terza sessione plenaria dell'11° Comitato Centrale del PCC, avere conoscenze professionali ed essere determinati a portare avanti le riforme. Attualmente, si richiede che i buoni funzionari siano politicamente affidabili, professionalmente competenti, moralmente onesti e godano della fiducia della gente.
In sintesi, i buoni i funzionari devono essere fermi negli ideali e nelle convinzioni e disposti a servire il popolo, diligenti nel lavoro, pronti ad assumersi responsabilità, onesti e retti. Rimanere fermi nei loro ideali e convinzioni significa che i funzionari del Partito devono amare il nobile ideale del comunismo, credere sinceramente nel marxismo, battersi incessantemente per il socialismo con caratteristiche cinesi, e  sostenere risolutamente le teorie basilari, le linea guida, il programma, l'esperienza e le esigenze del partito
Essere disposti a servire il popolo significa che i funzionari del Partito devono agire come servitori del popolo, essere fedeli alla gente, servendola con tutto il cuore. Essere diligenti nel lavoro significa che i funzionari del Partito devono dedicarsi al loro lavoro tenendo i piedi per terra, in modo realistico e pragmatico, e adottare misure solide e concrete per ottenere risultati che possono dimostrare il loro valore nella pratica, essere promossi attraverso il controllo popolare e resistere alla prova del tempo.
Per essere pronti ad assumere delle responsabilità i funzionari del Partito devono aderire ai principi con un atteggiamento responsabile, avere il coraggio di azioni risolute di fronte alle grandi questioni di principio, affrontare i conflitti senza perdere la testa, facendo passi in avanti di fronte alle crisi, ammettere i propri errori e lottare risolutamente contro i comportamenti negativi.
Gli ideali e convinzioni si riferiscono alle aspirazioni delle persone. Come ha detto uno dei nostri antenati: "Le aspirazioni possono raggiungere qualsiasi luogo per quanto lontano sia, anche sopra le montagne e mari; e si può sfondare qualsiasi difesa per quanto sia difficile e forte come la migliore armatura e scudo."[3] Questo dimostra quanto le persone possano essere forti e invincibili, solo che abbiano alte aspirazioni. Durante lo sviluppo della rivoluzione e della riforma cinesi, innumerevoli membri del partito hanno perso la vita per la causa del partito e del popolo. Ciò che li ha sostenuti è stata la forza morale acquisita dalla suprema importanza che hanno attribuito alle loro idee rivoluzionarie.
I funzionari del Partito, per essere onesti e corretti, devono adottare un atteggiamento cauto nei confronti dell'esercizio del potere per mantenerlo sotto controllo, salvaguardando la propria vita politica, facendo sforzi costanti per mantenere la propria integrità politica contro la corruzione.

Questi requisiti potrebbero essere facili da capire, ma non sono così facili da soddisfare. Essi sono anche requisiti importanti come ho rilevato in varie occasioni già da qualche tempo. Qui vorrei porre particolare attenzione su due aspetti: ideali e convinzioni, e disponibilità ad assumere delle responsabilità, questioni relativamente rilevanti che devono affrontare i nostri funzionari nella fase attuale.
Essere fermi negli ideali e convinzioni sono i criteri supremi per i buoni funzionari. Non importa quanto competente sia un funzionario, ma non può essere considerato il buon funzionario di cui abbiamo bisogno se non è fermo nei suoi ideali e convinzioni, non creda nel marxismo e nel socialismo con caratteristiche cinesi, non sia qualificato politicamente e non possa superare tempeste politiche. Solo chi è fermo negli ideali e convinzioni adottando un approccio inequivocabile verso le principali questioni di principio può costruire "un corpo duro come il diamante" per resistere a qualsiasi corrosione, rimanere impavido di fronte alle tempeste politiche, resistere saldamente a tutti i tipi di tentazioni, agire in maniera affidabile e sicura in qualsiasi momento critico.
Si deve pienamente ammettere che la maggior parte dei nostri funzionari sono fermi negli ideali e nelle convinzioni, e sono politicamente affidabili. Tuttavia, ci sono alcuni funzionari di partito che non riescono a soddisfare questi requisiti. Alcuni sono scettici circa il comunismo, considerandolo una fantasia che non potrà mai avverarsi; alcuni non credono nel marxismo-leninismo, ma in fantasmi e divinità, e cercano conforto spirituale in superstizioni feudali, mostrando forte interesse nella predizione del futuro, nel culto di Buddha e nei "consigli di Dio" per risolvere i loro problemi; alcuni hanno uno scarso senso dei principi, della giustizia, del giusto e dello sbagliato, e svolgono i loro compiti in modo confuso e sciocco; alcuni anche desiderano i sistemi sociali e i valori occidentali, perdendo la loro fiducia nel futuro del socialismo.
Altri adottano un atteggiamento ambiguo nei confronti delle provocazioni politiche verso la dirigenza del PCC, il percorso del socialismo con caratteristiche cinesi e altre questioni di principio,  evitano passivamente argomenti rilevanti senza il coraggio di esprimere le proprie opinioni, o addirittura facendo deliberatamente circolare messaggi ambigui. Non è una mostruosa assurdità che i funzionari di partito, in particolare quelli di alto rango, non prendono posizione di fronte alle grandi questioni di principio, agli incidenti politici e questioni delicate?
Alcuni dicono che i funzionari hanno bisogno di "amare la loro reputazione." Questo dipende dal tipo di "reputazione" che serbano in cuore. Si tratta di una "reputazione" che sarà applaudita da persone con secondi fini, oppure è una reputazione fondata sull’agire nell'interesse del partito e del popolo? Un membro del partito deve amare solo quest'ultima reputazione, e sarebbe disastroso se fosse intenzionato a dover puntare sulla prima!
Perché il formalismo, il burocratismo, l'edonismo e la stravaganza sono diffusi nei giorni nostri? Perché alcuni funzionari diventano corrotti o addirittura commettono tradimento e defezione verso il nemico, finendo come criminali? In ultima analisi ciò avviene perché non sono fermi nei loro ideali e convinzioni. Ho detto spesso che gli ideali e le convinzioni sono la "spina dorsale" morale dei comunisti. Per essere fermi nei nostri ideali e convinzioni dobbiamo "indurire le nostre ossa", mentre l'assenza di ideali e convinzioni o il vacillare dei nostri ideali e convinzioni porterà ad una debolezza morale fatale.
I fatti hanno ripetutamente dimostrato che il momento più pericoloso è quando si esita o si inizia a mostrare dubbi sugli gli ideali e le convinzioni. Ho chiesto a lungo se ci confrontassimo con una situazione complessa come una "rivoluzione colorata”, allora tutti i nostri funzionari agirebbero risolutamente per salvaguardare la direzione del partito e il sistema socialista? Credo che la maggior parte dei membri del partito e funzionari sarebbe in grado di farlo.
Durante la guerra rivoluzionaria, se un funzionario era fermo nelle sue idee e convinzioni veniva giudicato da come poteva rischiare la propria vita per la causa del Partito e del popolo, e se accorreva velocemente, non appena la tromba suonava. Questa era la prova più diretta. Ci sono ancora prove di vita e di morte nel nostro attuale stadio di sviluppo pacifico, ma esse sono in numero molto minore. Di conseguenza, è davvero difficile verificare se un funzionario sia fermo nelle sue idee e convinzioni. Anche i raggi X, la TAC e la risonanza magnetica non sono d’aiuto.
Tuttavia, ci sono ancora modi per mettere alla prova i nostri funzionari. Abbiamo bisogno di scoprire se sono determinati di fronte alle grandi sfide politiche, tenendo a mente lo scopo fondamentale del partito, ed esercitare le loro funzioni in modo estremamente responsabile. Essi devono essere i primi a sopportare i disagi e gli ultimi a godere delle comodità, essere pronti ad assumere responsabilità di fronte a compiti urgenti, difficili e pericolosi, e resistere alle tentazioni del potere, del denaro e del sesso. Tale test non può essere compiuto in una notte sulla base di alcune attività che un funzionario soddisfa o alcuni doveri che egli compie; è un processo che dipende dal comportamento del funzionario nel lungo periodo, anche per tutta la vita.
E' essenziale che i funzionari del partito sostengono i principi e prontamente si assumano responsabilità. "Evitare le responsabilità è la più grande vergogna per un funzionario." Le responsabilità che un funzionario assume dimostrano la sua ampiezza di visione, il coraggio e la competenza. Le maggiori responsabilità che ci si assume, sono l'impresa più grande che si possa realizzare.
Con la mentalità da "bravo ragazzo" attualmente prevalente tra alcuni funzionari, è diventato un luogo comune che molti funzionari non osino criticare gli errori o assumersi responsabilità, o non siano determinati a farlo. Alcuni funzionari continuano a mantenere buoni rapporti con tutti, a scapito dei principi, perché hanno paura di offendere le persone e di perdere consensi, abbracciando la fede nella filosofia volgare di "più fiori e minor numero di spine." Hanno in mente nient'altro che i propri affari e vorrebbero rimanere senza fare nulla a meno che i loro interessi personali non ne siano colpiti, soddisfatti della confusione dovuta alla mancanza di progetti senza per altro realizzare nulla. Alcuni funzionari non stanno adempiendo i loro compiti in modo corretto.
Essi eludono i problemi difficili e le questioni d’interesse pubblico, tendono a scaricare su altri le responsabilità affrontando i loro compiti in modo superficiale, con i loro ritardi trasformano i piccoli problemi in grandi problemi e i grossi problemi in problemi terribili. Alcuni funzionari sono caratteri tranquilli che gestiscono le cose in maniera troppo furbesca, scelgono lavori e cariche facili mentre si sottraggono a quelli duri, non pensano ad altro che all’autoconservazione di fronte alle sfide. Sono in corsa per rivendicare il merito per i successi ed eludere la responsabilità quando sorge qualsiasi problema. Ciò che è più spaventoso è che alcuni di questi funzionari sono popolari, vanno d’amore e d’accordo con gli ambienti ufficiali, guadagnando di più mentre contribuiscono meno di altri. Come può la causa del partito e del popolo procedere se ci sono un sacco di "bravi ragazzi," persone di "carattere malleabile," quelli "che fanno a scaricabarile", o agiscono come "erbacce in cima al muro"? Questi problemi sono molto pericolosi, e grandi sforzi devono essere fatti per risolverli.
In ultima analisi, l'altruismo conduce al coraggio e il coraggio ad assumersi responsabilità. "L'altruismo ci dà la serenità". Buoni funzionari dovranno dare la massima importanza alle loro responsabilità, mettere i principi e la causa del partito e gli interessi delle persone al primo posto, prendere una posizione inequivocabile e tenace quando si affrontano i problemi, esercitare le loro funzioni in modo paziente e diligente, e giudicare i propri sforzi dal risultato finale. "L’erba robusta resiste ai forti venti; il vero oro supera la prova del fuoco". Per la causa del partito e del popolo, i nostri funzionari dovrebbero avere il coraggio di pensare, di portare avanti iniziative e di controllarne le conseguenze, che corrispondono all’"erba robusta" e al "vero oro" dei nostri tempi.
Naturalmente, bisogna essere pronti ad assumersi responsabilità per la causa del partito e del popolo, non per la fama personale. Essere arroganti e prepotenti non significa avere il coraggio di assumersi responsabilità. Durante il Periodo della Primavera e dell’Autunno (dal 770 A.C. al 454 A. C), c'era un alto funzionario di nome Zheng Kaofu, che ha servito diversi duchi dello Stato Song. Aveva la reputazione di essere altamente auto-disciplinato. Aveva un motto inciso su un vaso (ding) del tempio ancestrale della sua famiglia, che diceva, "A testa in giù quando sono stato promosso per la prima volta, di nuovo curvo quando sono stato promosso la seconda volta, e piegato in vita quando sono stato promosso la terza volta. Nessuno mi insulta se sto vicino al muro quando cammino lungo la strada. Quello che mi serve è solo questo vaso per cucinare la zuppa"[4]. Sono profondamente colpito da questa storia. I nostri funzionari sono funzionari di partito, e il loro potere viene dato dal Partito e dal popolo. Pertanto, essi dovrebbero mostrare sempre una forte audacia, una sempre maggiore determinazione nel loro lavoro, e comportarsi in maniera modesta e prudente senza arroganza e avventatezza.

In secondo luogo, come si può diventare un buon funzionario? Buoni funzionari non emergono spontaneamente. Per diventare un buon funzionario, è necessario sia lo sforzo personale che la formazione da parte delle organizzazioni di partito. Per i funzionari, il loro impegno personale è fondamentale, perché questo è il fattore interno decisivo nel loro sviluppo personale.

L'impegno per la causa del partito, la consapevolezza teorica e gli standard morali di un funzionario non migliorano automaticamente rimanendo nel partito più a lungo o con un posto gerarchicamente superiore. Piuttosto la valorizzazione richiede sforzi per tutta la vita. Per diventare un buon funzionario, c’è bisogno di rimodellare costantemente il proprio mondo soggettivo, rafforzare il proprio impegno per il partito e la propria dirittura morale. C’è bisogno di rispettare rigorosamente lo statuto del partito e i requisiti per essere membri del partito, "essere severi con se stessi e indulgenti con gli altri." [5] I membri del partito devono sempre comportarsi in maniera corretta, controllare se stessi, mantenersi in allerta per "resistere alla miriade tentazioni di un mondo abbagliante", essere onesti e laboriosi, puliti e con la schiena dritta.
L'apprendimento è la scala del progresso. I funzionari devono essere bravi ad apprendere e a pensare, a studiare coscienziosamente le teorie marxiste, in particolare il sistema teorico del socialismo con caratteristiche cinesi, concentrarsi sui punti di vista, le opinioni e metodi di queste teorie, e migliorare la loro capacità fondamentale di pensiero strategico, innovativo, dialettico, in modo che siano in grado di giudicare correttamente situazioni che si presentano rimanendo razionali e determinati politicamente. Hanno anche bisogno di arricchire le proprie conoscenze su vari soggetti, migliorare la loro struttura di apprendimento, e accumulare esperienze, in modo da stabilire una solida base per lo svolgimento delle loro funzioni.
Oltre alla formazione, i buoni funzionari hanno bisogno di concentrarsi sulla pratica. "Sentire non è così buono come vedere, e vedere non è buono come vivere." [6] La conoscenza e l'esperienza sono come le due ali di un'aquila, che può volare in alto e lontano solo se vuole vedere il mondo esterno e sfidare le tempeste. Più dure sono le condizioni e maggiori le difficoltà, tanto più un funzionario sarà temprato. I funzionari dovrebbero andare alla base per vedere la situazione reale e comunicare con la gente. Allora saranno in grado di perfezionare se stessi e migliorare le loro capacità nel lavoro per la riforma e l’apertura, la stabilità servendo il popolo.
Inoltre, abbiamo bisogno di migliorare la supervisione della condotta dei funzionari. L'esercizio del potere senza controllo può sicuramente portare alla corruzione. Questa è una legge assiomatica. Non è un processo facile per la formazione di un funzionario, quindi le misure necessarie devono essere adottate per gestire e supervisionare i funzionari per tenerli meglio in allerta "come se calpestassero una sottile lastra di ghiaccio o stessero in piedi sul bordo di un abisso." Sono necessari colloqui schietti con i funzionari, in modo che i loro difetti siano evidenziati in tempo e il loro entusiasmo sia incoraggiato. Si tratta di una buona tradizione che dobbiamo portare avanti.
Buoni funzionari devono essere formati dalle organizzazioni di partito. Abbiamo bisogno di concentrarci maggiormente sulla formazione dei funzionari in rapporto ai cambiamenti delle circostanze e dello sviluppo della causa del partito e del popolo. Nella formazione, dobbiamo prestare maggiore attenzione all’educazione all’impegno per il partito, alla virtù e alla morale, alla consapevolezza circa l’obiettivo finale del partito e il senso di servire il popolo. Abbiamo anche bisogno di rafforzare la formazione dei funzionari in circostanze pratiche per facilitare il loro progresso. La formazione in situazioni pratiche, non è un modo "finto", né si tratta di un processo di routine prima della promozione. Se, infatti, fosse così, i funzionari non si dedicherebbero con tutto il cuore alla formazione e nemmeno vorrebbero mantenersi in stretto contatto con la gente. La formazione sarebbe solo una messa in scena.
In terzo luogo, come possiamo garantire buone prestazioni dei funzionari? La chiave di volta consiste nell’impiegare buoni funzionari dopo che sono stati adeguatamente formati. Qual è lo scopo della formazione, se non impieghiamo buoni funzionari o non facciamo loro svolgere il proprio ruolo? L'impiego di una persona competente attirerà le persone più competenti, e sarà portato come esempio per tutti gli altri. Il tipo di funzionari che utilizziamo è una bandiera politica che determina il comportamento dei nostri funzionari e anche la condotta di tutto il partito.
Per impiegare buoni funzionari, dobbiamo osservare le loro prestazioni e la condotta morale su una base logica complessiva a lungo termine. Coloro che sono competenti, hanno personalità peculiare, sono pronti ad assumere responsabilità, e non temono di fare irritare alcune persone per difendere dei principi, possono ricevere una diversa considerazione. Le organizzazioni di partito devono dare loro una corretta valutazione. E’ comunque difficile valutare con precisione le prestazioni dei funzionari.
Abbiamo bisogno di migliorare i metodi e gli strumenti di valutazione. Nella valutazione delle prestazioni dei funzionari, dovremmo prestare uguale attenzione alla crescita economica, alla base economica originale e alle realizzazioni sia materiali sia immateriali, e integrare gli indicatori e risultati soprattutto riguardo al miglioramento dei mezzi di sussistenza della gente, il progresso sociale, l’ecologia e l’ambiente. Non dobbiamo più giudicare le prestazioni dei funzionari solo dai tassi di crescita del PIL.
Si deve notare che alcune località e dipartimenti non stanno adottando un corretto approccio alla nomina dei funzionari. Alcuni funzionari opportunisti di dubbia integrità morale e competenze professionali insufficienti sono stati frequentemente promossi, mentre coloro che si dedicano al lavoro e non a costruire rapporti personali per la promozione non hanno avuto tali possibilità. Ciò ha dato luogo a un forte malcontento tra i funzionari e i cittadini in generale.
Occorre conoscere i funzionari per impiegarli adeguatamente. Se non li conosciamo a fondo e con sufficiente precisione possiamo impiegarli in modo inappropriato. "Non avendo idea dei punti forti e di quelli deboli di una persona, della parte debole della forza o della parte forte della debolezza, non abbiamo alcun motivo per nominare o addirittura formare quella persona." [7] Non possiamo giudicare un funzionario sulla base di impressioni o sentimenti personali. Dobbiamo avere metodi e sistemi buoni per valutare i funzionari, con riflessioni che provengano da vari canali, a differenti livelli e da diverse prospettive.

I comitati di partito e dipartimenti d’organizzazione a tutti i livelli devono aderire al principio che il partito dovrebbe supervisionare le prestazioni dei funzionari e il corretto approccio alla nomina dei funzionari, selezionare i funzionari sulla base sia dell’integrità morale che delle competenze professionali con priorità per la prima, provare a selezionare e nominare persone virtuose e competenti in modo tempestivo e metterli in posti adatti in base alle loro capacità. Solo in questo modo possono essere selezionati e impiegati funzionari bravi e competenti.
Abbiamo bisogno di mantenere una stretta vigilanza sui funzionari e osservare il loro approccio alle grandi questioni, la loro preoccupazione per le persone, la loro condotta morale, il loro atteggiamento verso fama e fortuna, la loro sfera di pensiero, i loro modi di  gestire problemi e risultati e la loro competenza.
Alcuni funzionari tendono a prendere decisioni improvvise, avviare progetti senza riflettere, lasciando alla fine solo problemi, ma ancora vengono promossi senza essere tenuti a rispondere delle loro azioni. Non possiamo permettere che ciò accada più. Ho detto che abbiamo bisogno di implementare sistemi di responsabilità per affrontare tali problemi, e tenere i funzionari competenti che rendano conto per tutta la vita. Il dipartimento d’organizzazione del Comitato Centrale del Partito dovrebbe notare ciò immediatamente.
La valutazione e l'osservazione dei funzionari devono essere fatte nel lavoro giorno per giorno, ma il momento migliore sono i grandi eventi e i momenti critici. "Si può capire la buona musica solo dopo aver cantato un migliaio di canzoni; e trovare una bella spada solo dopo aver utilizzato un migliaio di spade."[8] Le prestazioni di un funzionario si riflettono nel suo lavoro, e la sua reputazione proviene dalla gente. Quindi abbiamo bisogno di andare alla base per sentire i pareri della gente, e giudicare la condotta morale di un funzionario nei "grandi eventi", così come nelle "piccole cose".
Per impiegare buoni funzionari abbiamo bisogno di adottare un approccio scientifico e nominare la persona giusta, al momento giusto nella posizione giusta. Attualmente, in alcune località si tende a nominare funzionari secondo l'anzianità o per stabilire degli equilibri piuttosto che in conformità dei loro meriti, idoneità o capacità professionali. Di conseguenza, i funzionari nominati hanno difficoltà a esercitare le loro funzioni, lasciando così problemi irrisolti e il lavoro incompiuto. Solo così facendo un gran numero di buoni funzionari emergeranno offrendo il loro contribuito di saggezza e conoscenza.
C'è un fenomeno che dobbiamo notare. Per poter giudicare il rendimento di un funzionario  sul lavoro in una località o in una unità, la gente deve fare i propri commenti, la pratica mette alla prova e i leader lo hanno ben chiaro in mente, ma la nomina finale non è spesso in base alle reali esigenze e di solito delude la gente. Il motivo è l'egoismo di importanti funzionari che si basano sui "rapporti personali" o  si nascondono dietro talune "regole nascoste". Influenzati da questi fattori non sani, i funzionari non sono più nominati per i loro meriti ma per favoritismi o per ricercare un guadagno personale. I funzionari e il popolo disprezzano questa pratica, quindi dovremmo fare sforzi risoluti per cambiarla e per renderla un processo trasparente e pulito.


[1] Ban Gu: Il Libro della dinastia Han (Han Shu), conosciuto anche come Il Libro della Dinastia Han Occidentale (Qian Han Shu). Questa è stata la prima storia cronologica dinastica Cina.  Ban Gu è uno storico nella dinastia Han Orientale (25- 220). [2] Sima Guang: Eventi storici raccontati come specchio per il governo (Zi Zhi Tong Jian). Sima Guang (1019- 1086) è stato un ministro e storico durante la dinastia Song del Nord. Questo lavoro monumentale fu prima storia completa della Cina in forma di cronaca. [3] Jin Ying: Una raccolta di massime (Ge Yan Lian Bi). [4] Cronache di Zuo (Zuo Zhuan). [5] Raccolta di testi antichi (Shang Shu). [6] Liu Xiang: Giardino delle Storie (Shuo Yuan). [7] Wei Yuan: Opere di Wei Yuan (Wei Yuan Ji). [8] Liu Xie: Carving, un drago con una mente letteraria (Wen Xin Diao Long). Liu Xie (c. 465-c. 532) è stato un critico letterario dello Stato di Liang durante le dinastie del Sud. Carving un drago con una mente letteraria è un lavoro sulla teoria letteraria nella Cina antica.

Chi siamo

Debunkers dei miti sulla Cina. Avversari della teoria del China Collapse e del Social Volcano, nemici dei China Bashers.